mercoledì 13 maggio 2015

Dolmabahce Palace in Istanbul



Nel momento in cui si mette piede nel giardino del palazzo di Dolmabahce qui a Istanbul, si può solo chiedere una domanda: siamo a Parigi?  Versailles?  Solo qui avevo notato tante imponenza, opulenza, statue e fiori; fontane, guardie, sicurezza e maestosità.

Insieme al Topkapy rimaneva l'ultima tappa da turista prima di sentirmi completamente integrata nella città e devo ammettere che la visita vale la pena dell'attesa del biglietto ( se decidete di visitarlo cercate di arrivare presto perché ci sono un numero limitato di posti al giorno).

Il palazzo ha ospitato il primo presidente della Turchia, e nel visitarlo ci si immagina di percorrere quei corridoi in lungo e in largo, con il pavimento di legno che scricchiola ancora, con l'aria stantia ricolma di ricordi, con la stanza più grande del palazzo dove si svolgevano le cerimonie religiose al cospetto del Pasha che l'ha costruito; con la stanza in cui si ballava, in cui c'era l'orchestra e ti ritrovi con il naso all'insù a vedere un soffitto di 40 metri e forse più fino a perdita della vista.

Ci si immagina li, piccoli osservatori di un luogo che fu area di strategie, complotti, vittorie e sofferenze;,ignari di tutto quelle che le mura di questo palazzo ancora trasudano, lì come turisti per caso che se godono di tutto questo è anche grazie a chi ha vissuto in quel palazzo.












Nessun commento:

Posta un commento

YOU MIGHT ALSO LIKE...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I migliori articoli di sempre!