mercoledì 20 maggio 2015

Alla scoperta di Halic





Halic è un quartiere che pian piano stanno riqualificando, un posto dove ogni scorcio merita una fotografia, così lontano dalla metropoli alle sue spalle, così caotica nel suo mercato del pesce, così primordiale e affascinante allo stesso tempo.
Uno scorcio di quotidianità metropolitana, fatta di semplici regole e la vista sul mare di Marmara, con all'orizzonte le moschee e il richiamo alla preghiera che scandisce questa lenta e costante vita di pescatori.
Uno scorcio di quotidianità ancor di più paesana fatta di murales, laboratori artigiani e grappoli di glicine a far da cornice ad angoli già dipinti di arancio e blu...

Per veder il resto delle foto seguitemi su INSTAGRAM @eleonoramoretti











mercoledì 13 maggio 2015

Dolmabahce Palace in Istanbul



Nel momento in cui si mette piede nel giardino del palazzo di Dolmabahce qui a Istanbul, si può solo chiedere una domanda: siamo a Parigi?  Versailles?  Solo qui avevo notato tante imponenza, opulenza, statue e fiori; fontane, guardie, sicurezza e maestosità.

Insieme al Topkapy rimaneva l'ultima tappa da turista prima di sentirmi completamente integrata nella città e devo ammettere che la visita vale la pena dell'attesa del biglietto ( se decidete di visitarlo cercate di arrivare presto perché ci sono un numero limitato di posti al giorno).

Il palazzo ha ospitato il primo presidente della Turchia, e nel visitarlo ci si immagina di percorrere quei corridoi in lungo e in largo, con il pavimento di legno che scricchiola ancora, con l'aria stantia ricolma di ricordi, con la stanza più grande del palazzo dove si svolgevano le cerimonie religiose al cospetto del Pasha che l'ha costruito; con la stanza in cui si ballava, in cui c'era l'orchestra e ti ritrovi con il naso all'insù a vedere un soffitto di 40 metri e forse più fino a perdita della vista.

Ci si immagina li, piccoli osservatori di un luogo che fu area di strategie, complotti, vittorie e sofferenze;,ignari di tutto quelle che le mura di questo palazzo ancora trasudano, lì come turisti per caso che se godono di tutto questo è anche grazie a chi ha vissuto in quel palazzo.












lunedì 11 maggio 2015

Il mio diario della Cappadocia (parte seconda)


Ultimo post sulla Cappadocia, un posto splendido e suggestivo, dove oltre alla gita in mongolfiera ( la mia esperienza la potete vedere QUI ) vanta molti siti archeologici e panorami suggestivi.
Un'esperienza che ha il sapore di antico, una terra che ad aprile prevede già quasi 30 gradi, che imperscrutabile regala colori mozzafiato ad ogni tramonto e ogni angolo è uno scorcio da catturare con la macchina fotografica e da imprimere nella mente.
Consiglio a chiunque stia organizzando una vacanza, magari ad Istanbul di fare un pensierino ad una meta poco conosciuta ma che regala emozioni e un ricordo indelebile nel cuore; un'ora di aereo da Istanbul e verrete catapultati nel mezzo dell'Anatolia.









venerdì 8 maggio 2015

7 - Insta - Days #14



Riprendono i 7-giorni-7 con un recap delle foto della settimana che potete vedere quotidianamente anche su INSTAGRAM @eleonoramoretti (seguitemi ;)

1 e 2: Tutto il mese di Aprile e inizio Maggio qui a Istanbul c'è il festival dei tulipani, tutta la città è completamente ricoperta di questi fiori super colorati che la adornano e la rendono incredibilmente viva ed allegra, uno spettacolo stupendo pari a quello dei campi di Amsterdam ( a proposito sarò  ad Amsterdam il prossimo week-end finalmente dopo anni che desidero andarci yay!!)

3- il peso della cultura, questa è un'installazione all'Istanbul Modern;

4 e 5: una serata in un jazz club John Coltrane Tribute.... bellissima, mi ha ricordato le serate jazz che avevo visto a San Francisco anni fa;

6-  pizza napoletana, ora che ho trovato il ristorante che le fa e con consegna a domicilio la mia agonia da mancanza di pizza è terminata!

7- angoli colorati della città







YOU MIGHT ALSO LIKE...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I migliori articoli di sempre!